Curiosità

Colore, psicologia e pubblicità

Per ribadire quanto sia importante tutto il lavoro preliminare al lancio di un marchio o un prodotto presentiamo oggi una utile infografica per approfondire e orientarci verso una maggiore comprensione e una scelta più consapevole dei colori. Come abbiamo già detto il colore è un fattore di primaria importanza nella promozione di un brand, di prodotti, servizi, offerte, ecc., dalla fase di ideazione di un logo, come nella scelta del packaging o di qualsiasi altra operazione di marketing che riguardi la nostra azienda (ma anche le pareti di casa!).      


Ecommerce. Come i colori influenzano gli acquisti

Che si tratti di Ecommerce oppure di vendita tradizionale sappiamo che il colore è un fattore determinante per l'indice di gradimento di un prodotto, un servizio, come anche di un marchio. Anzi, secondo vari studi riassunti efficacemente da questa infografica curata da kissmetrics, l'aspetto e quindi anche il colore, è il fattore che influenza maggiormente l'acquisto di un prodotto: l'85% degli acquirenti lo mette infatti al primo posto. Inoltre il colore è anche fondamentale per la riconoscibilità di un marchio, cosa che direttamente si collega alla fiducia dei consumatori verso l'azienda. Ma non solo, un altro aspetto molto interessante e al quale spesso non viene data la dovuta considerazione, è il fatto che per un'azienda la scelta di un colore piuttosto che un'altro può influenzare pesantemente la tipologia del proprio pubblico, ovvero le caratteristiche dei potenziali clienti: ci stiamo rivolgendo ad un pubblico tradizionale? Oppure vogliamo fare colpo sulle persone in cerca di sconti, offerte e occasioni? Ecco alcune risposte...  


Fonts? Una scelta di Carattere

Per una azienda la scelta del font, cioè del carattere tipografico, da utilizzare per il proprio logo (ma non solo) è molto importante. Tutti sanno che i colori hanno una grande influenza sulle sensazioni, i sentimenti e le emozioni delle persone, ed è per questo motivo che generalmente si presta molta attenzione alla loro scelta e combinazione. La stessa cosa vale per il set di caratteri che un'azienda sceglie di utilizzare. L'infografica che segue riassume e sintetizza alcuni dei concetti principali legati alla psicologia dei caratteri. Per esempio, se si vuole trasmettere l'idea di una attività tradizionale, rispettabile e affidabile, si potrebbe prendere in considerazione l'uso di un carattere serif. Se invece si desidera trasmettere l'idea di un'attività moderna e stabile si dovrebbe propendere per un carattere sans serif.


Pinterest e il Segreto del suo Successo

Column Five ha creato questa infografica per esaminare alcuni dei motivi del successo di Pinterest, una vera e propria dipendenza che sembra diffondersi sulla rete in modo virale e pian piano sempre di più anche in Italia. Per chi ancora non fosse al corrente su cosa è come funziona Pinterest si può dire che fondamentalmente è un social network dedicato alla condivisione di immagini e video. Il suo nome deriva del verbo “to pin” (appendere) e dal sostantivo “interest“ (interesse). Le boards (bacheche) costituiscono l’idea centrale del social network: funzionano da raccoglitori pubblici, quindi visibili a tutti, di immagini tematiche, condivise dalla rete o create dagli utenti, che permettono la connessione tra persone aventi gli stessi gusti e interessi. Pinterest è integrabile con altri Social Network, come Facebook e Twitter, e con tutti i siti web grazie al "pin it button", che si può installare facilmente sia sulla barra degli strumenti di qualsiasi browser che in tutti i siti web o blog. Il “pin it button” permette la condivisione delle immagini più interessanti trovate nella rete direttamente sulle proprie board tematiche. Tutto ciò fa si che gli utenti di Pinterest spendano in media 98 minuti al mese in questa attività di selezione e condivisione... ma al di là dei dati, attraverso questa infografica l'azienda vuole evidenziare perché la cultura di Internet sia così affascinata dal pinning e avanza l'ipotesi che l'accaparramento digitale abbia molto a che fare con tutto ciò.


Social Network di nicchia, ecco 12 Esempi

Non c'è alcun dubbio sul fatto che i Social Network più diffusi come Twitter e Facebook abbiano raggiunto ormai un pubblico enorme. Nonostante ciò anche i Social Network più piccoli e che si sono specializzati su un pubblico di nicchia (che va dagli amanti dei baffi alle signore che amano il cucito ed il lavoro a maglia) sono in netta ripresa. Pubblichiamo oggi questa simpatica infografica su 12 Social Network che in pochi conoscono, ma che potete consigliare ai vostri amici più eccentrici... sempre che non vogliate essere voi ad iscrivervi per primi!  


Non tutti i Fan sono uguali!

Non tutti i fan di Facebook sono uguali. Alcuni adorano la vostra pagina e commentano positivamente i vostri prodotti in ogni occasione. Alcuni invece vi seguono solamente per rimanere informati. ReachLocal ha recentemente pubblicato una infografica che mostra sette diversi tipi di fan che una pagina di Facebook (o qualsiasi altro altro account di social media) può avere. Eccola qua:


Una Video Infografica con tante statistiche su Facebook

Controllare il tuo profilo Facebook è la prima cosa che fai quando ti svegli? Durante una giornata intrattieni più conversazioni Online che con le persone reali? Ecco una bella Video Infografica con tante statistiche interessanti...


Donne, smartphone e shopping online

Un’indagine svolta in collaborazione tra eBay e alfemminile.com ci rivela alcune statistiche interessanti tra le donne, il mondo degli smartphone e le abitudini femminili che ovviamente si riflettono anche sul mercato e gli acquisti online. Il sondaggio ha coinvolto circa 3000 persone, un campione composto per il 95% da donne, di cui il 69% ha meno di 40 anni e il 64% non ha figli. Tutti i risultati sono ben riassunti nell'infografica che pubblichiamo. Tra i molti dati interessati, oltre ad alcuni anche abbastanza preoccupanti sulla dipendenza da smartphone e le ripercussioni sulla sfera familiare e sociale, abbiamo notato il fatto che quando si tratta di shopping le preferenze femminili passano dallo smartphone al tablet e che circa 1 donna su 5 acquista online almeno una volta al mese prevalentemente oggetti per la casa, elettronica, prodotti di bellezza, ma anche libri o vestiti. Ma soprattutto il fatto che i maggiori vantaggi dell’acquisto da dispositivo mobile siano individuati nella possibilità di confrontare i prezzi ed i prodotti, oltre che nell’opportunità di sfruttare promozioni e offerte apposite.


Un’infografica per 10 Social Media che hanno fallito

Pubblichiamo questa interessante Infografica che efficacemente riassume e spiega alcune questioni chiave su 10 Social Media che hanno mancato i loro obiettivi o sono addirittura scomparsi.


Adecco, una ricerca sul Social Recruiting

Adecco ha recentemente presentato un’infografica sullo stato della domanda e dell’offerta di lavoro in Italia al tempo dei social network e della web reputation, il fenomeno comunemente noto come social recruiting. Quanto più ricche ed integrate sono le relazioni sociali coltivate da chi è in cerca di lavoro, tanto maggiore è la probabilità di trovare un’occupazione e raggiungere un successo professionale, anche attraverso i social media, ed è questa una delle principali evidenze dell’indagine 2013 “Il lavoro ai tempi del #socialrecruiting e della #digitalreputation” condotta da Adecco Italia, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Tra i dati più interessanti emerge che i selezionatori utilizzano i social network principalmente per verificare i CV (16%) e per allargare il bacino dei candidati (16%), mentre il 44% dei candidati li usa per trovare più offerte di lavoro sulle pagine aziendali e solo secondariamente per dare visibilità al proprio CV (38%). Per quanto riguarda il rapporto tra social recruiting e web reputation i dati ci dicono che i due mondi sono ancora abbastanza lontani. Infatti il 77% dei selezionatori dichiara di aver cercato il nome di un candidato attraverso un motore di ricerca mentre il 30%, una percentuale non trascurabile, dei candidati dichiara di non aver mai cercato il proprio nome sul motore di ricerca: significa che il 30% delle persone che cercano lavoro ignora cosa sia immediatamente associato al suo nome on line. Segue il PDF con l’infografica originale: adecco-social-recruiting-infografica-2013


InterMEDIA Communications © Piazza Cairoli, 7 - 50065 Pontassieve (FIRENZE) Toscana - Cod. Fisc. e Partita Iva: 05313840489
+39 055 8314721     | Cookie Policy & Privacy