Ecommerce, adempimenti burocratici e costi iniziali

10 giugno 2013

Da marzo 2011, per l’apertura di un e-commerce dedicato alla vendita online di prodotti o servizi, non è più necessario presentare nessuna documentazione cartacea presso il comune di residenza dell’attività commerciale, come invece accadeva in passato. La nuova formula prevede di regolarizzarsi attraverso un’unica comunicazione (Comunica, ovvero Comunicazione Unica) che iscrive a tutti gli enti preposti, che nel dettaglio sono:

1) il Comune dove ha sede l’attività (e non quello di residenza);
2) l’Agenzia delle Entrate per la Partita Iva;
3) il Registro delle Imprese;
4) l’INPS.

Siccome le leggi regionali e nazionali sono soggette a continui aggiornamenti e visto che è comunque necessario essere già accreditati presso tutti gli enti sopra elencati, il consiglio prima di avviarsi verso una nuova attività è sempre quello di affidarsi ad un esperto o consultare il proprio commercialista, che sarà sicuramente capace di accorciare i tempi e ridurre al minimo le possibilità che si verifichino degli errori in ognuna di queste fasi (articoli e guide online sono sempre utili per raccogliere le informazioni e chiarirsi le idee, ma se si hanno intenzioni serie è sempre meglio ricorrere ad un commercialista/professionista!). Inoltre, come prevede la legge già da qualche anno, ricordiamo che sarà necessario possedere una firma digitale e un indirizzo di posta certificata PEC.

Per quanto riguarda i costi iniziali e gli adempimenti fiscali, a differenza di quanto comunemente si pensi visto che spese per contratti di locazione e consumi sono generalmente ridotte, la gestione di un negozio online è paragonabile a quella di qualsiasi altra attività commerciale. Ricordiamo infatti che è necessario:

1) Avere una Partita Iva (Richiederla teoricamente non ha alcun costo);
2) Iscriversi alla camera di commercio, che costa circa 80,00 euro l’anno;
3) Versare i contributi all’INPS, che sono circa il 20% del reddito (fino a 43.042 euro) e tenendo ben presente che c’è un minimo da versare che corrisponde a circa 2.900,00 euro l’anno;
4) Considerare il costo del commercialista, che si aggira circa sui 1.000 euro l’anno.

A tutte queste spese si aggiungono ovviamente sia i costi economici per l’analisi, lo sviluppo del sito web ed il suo mantenimento online, la visibilità sui motori di ricerca, l’inserimento degli articoli, la stesura dei testi, etc., sia i costi di tempo e lavoro che il cliente deve dedicare in prima persona al progetto.

Essere consapevoli di tutti i meccanismi che regolano l’apertura di un’impresa commerciale online e soprattutto dell’impegno economico, di tempo e di lavoro che richiede, è davvero imprescindibile se si vuole evitare di spendere soldi inutilmente, soprattutto in un momento di crisi economica come questo. Valutare la fattibilità di un idea, analizzare possibili competitor e studiare bene il proprio pubblico ed il proprio settore di riferimento può evitare infatti molte brutte sorprese.
Altrimenti, senza una preparazione ed una progettazione adeguata il rischio è quello di far guadagnare agenzie e piattaforme che senza troppi scrupoli vendono (spesso a prezzi molto convenienti) sistemi per l’e-commerce e la vendita di prodotti e servizi online, gli unici che in questo modo sono in grado di assicurarsi un vero e proprio guadagno!

Per tutti questi motivi la nostra politica aziendale è quella di guidare sempre le persone interessate e i nostri possibili clienti verso un percorso serio di verifica preliminare e di analisi dei costi/benefici, riservandoci la possibilità di sconsigliare e rifiutare tutti quei progetti chiaramente destinati al fallimento.


Curalate e le immagini “scientificamente” perfette Social Network di nicchia, ecco 12 Esempi
Curalate e le immagini “scientificamente” perfette
Social Network di nicchia, ecco 12 Esempi

InterMEDIA Communications © Piazza Cairoli, 7 - 50065 Pontassieve (FIRENZE) Toscana - Cod. Fisc. e Partita Iva: 05313840489
+39 055 8314721     | Cookie Policy & Privacy