visibilità

200 consigli per migliorare la visibilità su Google

Mantenere e migliorare la visibilità sui motori di ricerca non è un'impresa facile. Periodicamente Google, il gigante di ogni ricerca on-line, aggiorna il proprio algoritmo e per questo è molto importante rimanere sempre aggiornati sugli ultimi cambiamenti. Più di recente Google ha lanciato Penguin 2.0, una nuova versione del precedente aggiornamento dell'algoritmo Penguin, che mira a ridurre il web spam, ed è a questo proposito che le società di marketing digitale Backlinko e Single Grain hanno creato l'infografica qui sotto raccogliendo circa 200 fattori che Google considera nel ranking dei siti e nei risultati di ricerca. I dati raccolti provengono da centinaia di fonti, tra cui vari blog che si occupano di SEO e le dichiarazioni fatte dal responsabile web spam di Google, Matt Cutts.


Twitter per le aziende: dal cinguettio al business

A differenza del social network di Zuckerberg, il sito di microblogging (questa sarebbe la definizione originaria di Twitter che prevede mini testi da 140 caratteri ciascuno) non distingue tra profili personali e profili aziendali e per di più il contatto non è bidirezionale come su Facebook: seguire un account, infatti, non significa che questo ci segua a sua volta. Insomma conquistare “followers” può risultare meno immediato, ma non per questo meno efficace, che ottenere “amici” o “mi piace”. Ma vediamo, punto per punto, qualche consiglio utile. 1 – Creare il proprio profilo Twitter Aprire un profilo su Twitter è molto semplice: bastano poche informazioni di base per iniziare. Scegliete un nome accattivante per l’account: potrebbe andare bene anche il nome della vostra azienda. Prestate particolare attenzione alla compilazione della breve biografia che sarà visibile sotto il vostro nome utente. Compilate tutti i campi richiesti, compreso il sito web di riferimento e la località in cui si trova l’azienda. L’immagine del profilo può essere il vostro logo mentre come immagine di copertina potete usarne una che avete scelto per una pubblicità o comunque qualcosa che rappresenti bene l’essenza del vostro business. E’ un po’ la vostra vetrina su Twitter: vi presenta agli altri utenti 2 – Far conoscere il proprio profilo Twitter Più che con tutti i social network è buona pratica collegare il proprio sito aziendale all’account Twitter in modo da portare i visitatori del sito a conoscere la vostra attività di microblogging. Il collegamento può avvenire tramite il classico pulsante per la condivisione e/o con un box embeddato nel sito che ripropone i votri tweet in tempo reale. Inoltre, una landing page che permetta al visitatore di diventare follower in un click può risultare molto utile. Ma come fare a farsi conoscere su Twitter? Innanzitutto seguendo i propri clienti più assidui i quali, vedendo che la vostra azienda ha un profilo, potrebbero decidere a loro volta di seguirvi. Altri profili da seguire per acquisire visibilità possono essere rintracciati tramite le cosiddette hashtag, ovvero le parole chiave precedute da # che permettono di intercettare utenti e profili interessati a quell’argomento. Ad esempio, la vostra azienda si occupa di marketing? Hashtag come #titolodellibro, #nomedellacollana, #genereletterario (naturalmente sostituendo all’indicazione generica i nomi corretti) e così via potrebbero fare al caso vostro. Potete anche seguire altre aziende della vostra zona, sebbene di settore diverso, o siti di news generiche o legate al vostro business. Se individuate profili particolarmente interessanti, poi, citarli nei vostri tweet attirerà la loro attenzione portandoli a visitare il vostro account. Per citare un altro utente, bisogna fare precedere il suo nome dalla chiocciola, ad esempio @ITespressoIT. Nell’esempio sopra potrebbe essere @nomeautore. 3 – I tweet, ovvero cinguettando si conquistano clienti Certo non è semplicissimo imparare a sintetizzare un messaggio in 140 caratteri. Per questo, si possono usare le immagini che, sebbene non abbiano apparentemente la stessa visibilità che possono avere su Facebook, qui possono diventare addirittura più virali e assurgere più facilmente agli onori delle cronache. Inoltre, vale la pena tenere presente che non è necessario dire tutto in un tweet, ma basta attirare l’attenzione ed includere un link al proprio sito dove scrivere, invece, il testo di approfondimento. Ricapitolando, dunque, un tweet deve contenere: un messaggio breve ed efficace, almeno una hashtag strategica (magari una che in quel giorno è particolarmente usata, cosa che si può verificare nella colonna dei cosiddetti “trend topic”, nella colonna di sinistra della timeline di Twitter, e comunque una coerente con il proprio messaggio), la citazione di un utente che possa essere interessato al vostro messaggio e che, possibilmente, abbia un buon numero di follower, e un link al vostro sito. Un uso strategico delle hashtag, poi, contribuisce a conferire internazionalità al vostro profilo: è tramite queste speciali parole chiave, infatti, che anche utenti di altri paesi che ancora non vi seguono possono imbattersi nel vostro account e decidere di seguirlo. Stare su Twitter, inoltre, permette di spaziare tra diversi argomenti in modo da scrivere tweet frequenti (ma non ossessivi). Evitando, dunque, argomenti che possono risultare controversi (politica, religione etc), è bene scrivere messaggi anche diversi da quelli strettamente legati al proprio business usando un linguaggio informale e “friendly”. Sono tweet che aiutano a farsi vedere anche le risposte a chi vi cita, o vi fa delle domande pubblicamente, e i cosiddetti retweet, ovvero la condivisione dei tweet scritti da altri: un buon modo per “animare” il proprio profilo e farsi notare. Una delle occasioni in cui Twitter rende di più, comunque, sono i cosiddetti “live tweeting”. Organizzate o partecipate ad un evento? Usate Twitter per raccontare cosa accade momento per momento, usando l’hashtag ufficiale (sicuramente ci sarà) e citando altri partecipanti. 4 – Tweet e account sponsorizzati Come ogni altra piattaforma, anche Twitter prevede forme di autopromozione a pagamento, sia degli account veri e propri che dei singoli tweet. E’ possibile scegliere accuratamente che tipo di visibilità dare al proprio account o tweet e che target raggiungere, non solo dal punto di vista degli interessi degli utenti, ma anche da quello geografico, ovvero se locale, nazionale o globale. Sponsorizzare un tweet o il proprio account significa, naturalmente, renderlo più visibile e quindi più facilmente raggiungibile da parte di utenti che diversamente potrebbero non arrivare mai a voi. Twitter, poi, prevede un sistema di pagamento per interazione. Si paga, cioè, in base ai follower conquistati o ai clic ottenuti: si sceglie un budget e ci si ferma una volta raggiunto. Il sito di microblogging prevede anche strumenti di analisi che consentono di verificare l’efficacia della sponsorizzazione. L’intero sistema a pagamento, che va sotto il nome di “Twitter Ads”, in Italia è al momento disponibile solo per le grandi aziende. 5 – Errori da non fare su Twitter Ci sono applicazioni che permettono di condividere automaticamente un messaggio scritto su Facebook con un link su Twitter. I tweet così generati, però, risultano poco accattivanti, non hanno praticamente alcuna attrattiva e difficilmente invogliano gli utenti a cliccare. E’ evidente che si tratta di un automatismo e nessuno ha voglia di interagire con un software quando può farlo con tanti altri utenti “veri”. Voi lo fareste? La sintesi a cui Twitter costringe può facilmente farci cadere nell’errore di usare il sito come una specie di deposito di slogan e pubblicità: proprio come i link generati automaticamente, gli slogan puri e semplici non sortiscono l’effetto desiderato perché non presuppongono interazione, cosa fondamentale sui social network. Nell’ansia di farsi vedere, si può essere tentati di seguire quanti più utenti possibile. Il risultato rischia di essere grottesco se, ad esempio, seguite 1500 utenti e, invece, avete poche decine di followers. Davanti ad una situazione del genere, difficilmente altri utenti saranno tentati di seguirvi. Meglio collegarsi a meno utenti, ma utili e a tema rispetto al vostro target. Evitate, poi, i messaggi diretti puramente commerciali: vi rendono troppo simili a spammer per essere efficaci. Di contro, gratificare chi vi cita concedendogli un retweet è sicuramente una buona mossa.


Ecommerce: il successo non dipende dalle statistiche

Vendere i propri prodotti Online attraverso un qualsiasi canale può sembrare un'operazione semplice e scontata. Nonostante la crisi globale che più o meno avanza e persiste su quasi tutti i settori, le statistiche sull'ecommerce, come si può vedere dall'infografica che pubblichiamo oggi, sono molto confortanti, come anche le previsioni di crescita. Inoltre la creazione di un negozio Online sia attraverso portali come Ebay (ma ce ne sono molti altri), sia attraverso un sito web personalizzato, sia attraverso un semplice carrello elettronico collegato a PayPal, è diventata un'operazione apparentemente molto semplice e in alcuni casi molto economica se non addirittura gratuita. Purtroppo le statistiche (e soprattutto i promotori di questi servizi, specialmente quelli low cost) spesso non riportano tutti i casi di insuccesso, i rischi, i costi nascosti che comporta l'apertura di un canale di vendita Online. Ma le considerazioni e gli studi preliminari non sono l'unica questione sottovalutata. Spesso molte aziende benché arrivino a disporre di una piattaforma web o di un catalogo nel quale caricare i propri prodotti quantomeno in grado di funzionare correttamente (cosa che è diversa dal disporre di strumenti di vendita funzionali, efficaci e convincenti sotto molteplici punti di vista), non sono visibili, non si dirigono nei canali giusti, non sono in grado di individuare quel pubblico davvero interessato ai loro prodotti. Probabilmente è proprio la facilità con la quale oggi si può accedere agli strumenti di vendita Online unita alle statistiche confortanti di un settore in continua crescita (peraltro inconfutabili!), che fa sottovalutare ad un numero sempre crescente di persone e di potenziali imprenditori tanti aspetti che un'impresa tradizionale non si sognerebbe in alcun modo di non prendere in considerazione. La soluzione per vendere efficacemente Online oppure per proteggersi da eventuali investimenti sbagliati e da un fallimento sicuro, è sempre la solita: muoversi con cautela, valutare con attenzione le diverse possibilità e consultare degli esperti che possano quantomeno analizzare il progetto da una prospettiva più ampia e approfondita. Per tutti questi motivi la nostra politica aziendale è quella di guidare sempre le persone interessate e i nostri possibili clienti verso un percorso serio di verifica e analisi dei costi/benefici, riservandoci la possibilità di sconsigliare e rifiutare tutti quei progetti chiaramente destinati al fallimento. Detto ciò ecco una carrelleta di curiosità, informazioni e statistiche sull'Ecommerce davvero utili e confortanti, tra cui, degna di nota, la crescita esponenziale prevista nel settore mobile nei prossimi anni!  


Colore, psicologia e pubblicità

Per ribadire quanto sia importante tutto il lavoro preliminare al lancio di un marchio o un prodotto presentiamo oggi una utile infografica per approfondire e orientarci verso una maggiore comprensione e una scelta più consapevole dei colori. Come abbiamo già detto il colore è un fattore di primaria importanza nella promozione di un brand, di prodotti, servizi, offerte, ecc., dalla fase di ideazione di un logo, come nella scelta del packaging o di qualsiasi altra operazione di marketing che riguardi la nostra azienda (ma anche le pareti di casa!).      


Ecommerce. Come i colori influenzano gli acquisti

Che si tratti di Ecommerce oppure di vendita tradizionale sappiamo che il colore è un fattore determinante per l'indice di gradimento di un prodotto, un servizio, come anche di un marchio. Anzi, secondo vari studi riassunti efficacemente da questa infografica curata da kissmetrics, l'aspetto e quindi anche il colore, è il fattore che influenza maggiormente l'acquisto di un prodotto: l'85% degli acquirenti lo mette infatti al primo posto. Inoltre il colore è anche fondamentale per la riconoscibilità di un marchio, cosa che direttamente si collega alla fiducia dei consumatori verso l'azienda. Ma non solo, un altro aspetto molto interessante e al quale spesso non viene data la dovuta considerazione, è il fatto che per un'azienda la scelta di un colore piuttosto che un'altro può influenzare pesantemente la tipologia del proprio pubblico, ovvero le caratteristiche dei potenziali clienti: ci stiamo rivolgendo ad un pubblico tradizionale? Oppure vogliamo fare colpo sulle persone in cerca di sconti, offerte e occasioni? Ecco alcune risposte...  


Le migliori piattaforme sociali per il tuo business

Investire sui Social Media è fondamentale per le piccole imprese che sperano di rafforzare il rapporto con i propri clienti in modo coinvolgente. Ma negli ultimi tempi, con così tanti social media in tutto il web, può essere davvero schiacciante mantenere una presenza efficace su ognuno di essi. L'alternativa migliore (e probabilmente l'unica!) è quella di essere attivi esclusivamente su quei siti che possono essere più adatti alla propria impresa... Ma come fare per sapere quali scegliere? Ecco un breve elenco per cominciare a farsi una idea... Facebook Su Facebook è possibile creare una pagina aziendale con la quale inviare aggiornamenti, foto, video, e connettersi con i propri "fan", con i potenziali clienti e anche con altre aziende legate al vostro settore. Pubblico: Facebook ha oltre 800 milioni di utenti attivi, strettamente suddivisi tra le donne (58%) e uomini (42%). Contrariamente alla credenza popolare che i social media siano popolare solo tra le generazioni più giovani, il 54% degli utenti sono in realtà di età compresa tra 35-54. Ideale per: Coinvolgere i clienti in modo più dinamico caricando album fotografici, postando aggiornamenti dettagliati e utilizzando il proprio profilo come estensione del sito web aziendale. Google+ G+ funziona come Facebook in quanto è possibile interagire in modo dinamico. La differenze è che G+ permette di dividere i propri conbtatti in compartimenti stagni, il che significa che è possibile personalizzare determinati messaggi a determinati contatti. Pubblico: G+ è ancora relativamente nuovo, tuttavia, la maggior parte dei primi utenti è di sesso maschile (63%) rispetto alle femmine (37%). In questo caso l'utenza, anche rispetto ad altri social network, è abbastanza giovane con un'età media compresa tra i 18-34. Ideale per: Le imprese con un target di consumatori più giovane. La creazione di interazioni sociali più mirate tramite "cerchie", cosa che per esempio consente di inviare sconti speciali a determinati clienti. Pinterest Pinterest è una bacheca virtuale che permette agli utenti di "pinnare", cioè selezionare e appuntare, immagini e link e di organizzarli in apposite raccolte. Gli altri utenti possono scrivere, commentare, e "ri-pinnare" a loro volta questi link. Pubblico: la popolarità di Pinterest negli ultimi tempi è esplosa. Si stima che il sito abbia ricevuto quasi 11 milioni di visite in una settimana nel mese di dicembre (quasi 40 volte il numero di visite sei mesi prima). Inoltre va detto che attualmente è sicuramente un social network prevalentemente femminile (83%). Ideale per: Aumentare la visibilità dei propri prodotti, in particolare di prodotti creativi e dal design specifico (ogni messaggio richiede una foto). Consigliato alle aziende che dispongono di prodotti di design o di immagini di qualità, e che vogliono confrontarsi attraverso questo tipo di comunicazione con i propri consumatori e l'industria. Tumblr Tumblr è un blog semplificato che permette di postare molte cose, tra cui testi, foto, link, musica e video. Pubblico: Tumblr è una piattaforma nuova che è più popolare tra i più giovani: il 72% degli utenti ha meno di 44 anni, con più donne (62%) rispetto agli uomini (38%) che lo utilizzano. Ideale per: Le imprese che vogliono utilizzare l'interfaccia altamente personalizzabile come estensione del proprio marchio e per le aziende con un contenuto che è altamente visivo: la metà di tutti i post sono infatti immagini. Twitter Twitter è un sito di social media che ti permette di inviare messaggi di 140 caratteri interagendo con reti di contatti. Pubblico: La maggior parte degli utenti di Twitter è di sesso femminile (62%), anche se i maschi (38%) contribuiscono in maniera sostanziale; il 71% degli utenti ha un'età media compresa tra i 25-54. Ideale per: Le aziende che non hanno molto tempo, ma vogliono comunque rimanere in contatto con la propria utenza. Scoprire chi parla della propria azienda, il che consente di rispondere direttamente, promuovere nuovi prodotti, fornire assistenza ai clienti, fare ricerca di mercato ponendo domande, etc. YouTube É la piattaforma principale di video-sharing. Permette agli utenti di caricare i propri video, tra cui tutorial e video blog. Pubblico: YouTube attira uomini e donne quasi ugualmente, ma in particolare uno dei maggiori segmenti di utenti sono quelli tra i 45-54 anni (30%), seguito dalla fascia 35-44 (22%), e 25-34 (18%). Ideale per: Le aziende che forniscono servizi che ben si prestano al mezzo visivo, come ad esempio alberghi e location turistiche oppure prodotti che necessitano di essere spiegati, video di esercitazioni, dimostrazioni, processi produttivi, prodotti innovativi, etc. Brands che possono produrre correttamente video di qualità (e quindi trarne beneficio).


L’orario migliore per post più efficaci

Vi siete mai chiesti quali sono gli orari migliori, i momenti della giornata oppure i giorni della settimana più indicati per pubblicare post e aggiornamenti su Facebook? L'Agenzia Pandemic Labs ha recentemente condotto uno studio su un campione di più di 22.000 pagine Facebook, più di 12,7 milioni di post e più di 12,3 miliardi di interazioni. Secondo i dati raccolti i migliori momenti per pubblicare su Facebook sarebbero il Sabato alle 10:00, il Sabato alle 20:00 e la Domenica alle 19:00, mentre i tre momenti peggiori sarebbero il Martedì alle 04:00, il Martedì alle 03:00, ed il Giovedì sempre alle 03:00. Nel caso delle Aziende, se si analizzano invece i giorni della settimana, i tempi ottimali variano a seconda del settore: il Sabato rappresenta il giorno più favorito per il settore automobilistico, le macchine fotografiche, i gioielli e gli orologi...


Curalate e le immagini “scientificamente” perfette

Curalate, una startup con sede a Philadelphia che aiuta le aziende a ottimizzare e monitorare le immagini postate su Pinterest e Instagram ha accumulando nell'ultimo anno un database di milioni di immagini e raccolto una quantità enorme di informazioni su come esse siano state condivise. Grazie a tutte queste informazioni e a questo lavoro di ricerca ha reso possibile individuare le caratteristiche comuni delle immagini più popolari e che statisticamente si prestano maggiormente ad essere condivise. Cerchiamo di riassumerle brevemente: 1. Nessun volto umano: Contrariamente a quanto molti pensano, tra le immagini di rivenditori, media, brand e aziende le immagini prive di volti umani vengono repinnate il 23% più spesso. Emblematica una dichiarazione Gupta, uno vero e proprio esperto di Pinterest: Avrei pensato che i volti rendono un'immagine più facilmente riconoscibile poiché è un essere umano a che vede un altro essere umano. Ma mi sono accorto che invece Pinterest ha un suo carattere distintivo, come social network. Per esempio pensiamo a Facebook come una rete di persone e a Foursquare come una rete di luoghi. Pinterest è una rete di cose... e sembra che su una rete di cose, i volti siano in realtà una distrazione. 2. Immagini contestualizzate: quando le immagini dei prodotti presentano uno sfondo neutro superiore del 40% della superficie totale dell'immagine, il numero di condivisioni diminuisce del 50%. Quindi è molto meglio utilizzare uno sfondo anche minimale ma che fornisca informazioni sul contesto del prodotto. 3. Più colori: Le immagini ricche di colori dominanti ricevono tre volte tanto la condivisione di quelle dove c'è un solo colore dominante. 4. L'importanza del Rosso: le immagini prevalentemente di colore rosso o arancione ottengono due volte i Repins rispetto alle immagini prevalentemente blu. 5. Luci equilibrate e colori saturi: In generale le condivisioni calano man mano l'equilibrio delle immagini si sposta verso gli estremi. Le immagini con una saturazione del 50% vengono condivise quattro volte tanto rispetto a quelle con il 100% e 10 volte più rispetto alle immagini completamente desaturate (bianco e nero). Una dinamica simile vale per la luminosità: le immagini molto chiare e molto scure sono, in generale, Repinnate il 20% in meno rispetto a quelle con una luminosità media. 6. Formato verticale: Le immagini con un orientamento verticale e una proporzione di 2:3 o 4:5 sono le più condivise, questo soprattutto perché il format di Pinterst adatta le immagini orizzontali riducendo le dimensioni e quindi penalizzandole. Ovviamente, in un contesto dove la comunicazione si sta spostando sempre di più verso il linguaggio delle immagini,  la ricerca va avanti e a detta dello stesso Gupta avremo presto molte altre statistiche:  I consumatori sono sempre più comunicando con le immagini piuttosto che con le parole. Stiamo cercando di decodificare il linguaggio e vi darò presto un vocabolario migliore con cui parlare. Aspettiamo con fiducia...


Punto Quarto. Prova ad agire… come un essere umano!

The #Social Survival Manifesto, è una nuova e interessante mini guida che ben illustra i principali punti che rendono le Aziende e le Istituzioni particolarmente vulnerabili agli attacchi verso la propria reputazione online. Pubblichiamo oggi una veloce traduzione di un estratto del quarto punto, assieme al link dove è possibile scaricare gratuitamente il PDF originale... Come già detto in precedenza, sei un semplice mortale. Sui Social Media, le moltitudini scruteranno il tuo comportamento e ti giudicheranno semplicemente in base alla tua personalità. Ma qual è la tua personalità Online? Sei sensibile ai bisogni ed ai sentimenti degli altri, oppure sei uno psicopatico che si annida nelle conversazioni in attesa della possibilità di vantare e di vendere i suoi prodotti sopraffacendo i i propri interlocutori? Sei capace di chiedere opinioni e rispondere alle domande, oppure sei un robot che può solo emettere esternazioni unidirezionali? Pensi di avere qualcosa di utile per contribuire ad una conversazione o sei una testa vuota che condivide solo luoghi comuni o commenti sul meteo? Immagina il tuo account aziendale come se fosse un essere umano e chiediti se saresti disposto a dargli l'"Amicizia"? Se la risposta è no, allora l'unica cosa che stai costruendo è un club di persone che ti odiano e che un giorno potrebbero essere felici di affermarlo in pubblico. The #Social Survival Manifesto


Punto Primo. Nascondersi non è un opzione

The #Social Survival Manifesto, è una nuova e interessante mini guida che ben illustra i principali punti che rendono le Aziende e le Istituzioni particolarmente vulnerabili agli attacchi verso la propria reputazione online. Pubblichiamo oggi una veloce traduzione di un estratto del primo punto, assieme al link dove è possibile scaricare gratuitamente il PDF originale... Che ti piaccia o no, la gente sui Social Media sta parlando di te, sta leggendo notizie su di te e su di te si sta facendo un'idea. Il tuo Marchio o la tua Azienda diventerà ben presto un argomento molto scottante, se tutto questo nasce e si sviluppa completamente senza il tuo contributo. Se non fai parte di quelle conversazioni, indovina chi sarà il responsabile di della reputazione del tuo marchio e della percezione di esso da parte del pubblico? I consumatori che hai irritato, i tuoi concorrenti e gli attivisti che ti odiano. Fidati di me, quelli con un conto in sospeso sono quelli che parleranno di più. Continua a nasconderti e diventerai senza dubbio un facile obbiettivo e tutte le avversità che si sommeranno contro di te. Inizia a partecipare alla conversazione in modo da avere la possibilità di influenzare le tante storie che vengono raccontate su te. The #Social Survival Manifesto


InterMEDIA Communications © Piazza Cairoli, 7 - 50065 Pontassieve (FIRENZE) Toscana - Cod. Fisc. e Partita Iva: 05313840489
+39 055 8314721     | Cookie Policy & Privacy