seo

200 consigli per migliorare la visibilità su Google

Mantenere e migliorare la visibilità sui motori di ricerca non è un'impresa facile. Periodicamente Google, il gigante di ogni ricerca on-line, aggiorna il proprio algoritmo e per questo è molto importante rimanere sempre aggiornati sugli ultimi cambiamenti. Più di recente Google ha lanciato Penguin 2.0, una nuova versione del precedente aggiornamento dell'algoritmo Penguin, che mira a ridurre il web spam, ed è a questo proposito che le società di marketing digitale Backlinko e Single Grain hanno creato l'infografica qui sotto raccogliendo circa 200 fattori che Google considera nel ranking dei siti e nei risultati di ricerca. I dati raccolti provengono da centinaia di fonti, tra cui vari blog che si occupano di SEO e le dichiarazioni fatte dal responsabile web spam di Google, Matt Cutts.


Ecommerce: il successo non dipende dalle statistiche

Vendere i propri prodotti Online attraverso un qualsiasi canale può sembrare un'operazione semplice e scontata. Nonostante la crisi globale che più o meno avanza e persiste su quasi tutti i settori, le statistiche sull'ecommerce, come si può vedere dall'infografica che pubblichiamo oggi, sono molto confortanti, come anche le previsioni di crescita. Inoltre la creazione di un negozio Online sia attraverso portali come Ebay (ma ce ne sono molti altri), sia attraverso un sito web personalizzato, sia attraverso un semplice carrello elettronico collegato a PayPal, è diventata un'operazione apparentemente molto semplice e in alcuni casi molto economica se non addirittura gratuita. Purtroppo le statistiche (e soprattutto i promotori di questi servizi, specialmente quelli low cost) spesso non riportano tutti i casi di insuccesso, i rischi, i costi nascosti che comporta l'apertura di un canale di vendita Online. Ma le considerazioni e gli studi preliminari non sono l'unica questione sottovalutata. Spesso molte aziende benché arrivino a disporre di una piattaforma web o di un catalogo nel quale caricare i propri prodotti quantomeno in grado di funzionare correttamente (cosa che è diversa dal disporre di strumenti di vendita funzionali, efficaci e convincenti sotto molteplici punti di vista), non sono visibili, non si dirigono nei canali giusti, non sono in grado di individuare quel pubblico davvero interessato ai loro prodotti. Probabilmente è proprio la facilità con la quale oggi si può accedere agli strumenti di vendita Online unita alle statistiche confortanti di un settore in continua crescita (peraltro inconfutabili!), che fa sottovalutare ad un numero sempre crescente di persone e di potenziali imprenditori tanti aspetti che un'impresa tradizionale non si sognerebbe in alcun modo di non prendere in considerazione. La soluzione per vendere efficacemente Online oppure per proteggersi da eventuali investimenti sbagliati e da un fallimento sicuro, è sempre la solita: muoversi con cautela, valutare con attenzione le diverse possibilità e consultare degli esperti che possano quantomeno analizzare il progetto da una prospettiva più ampia e approfondita. Per tutti questi motivi la nostra politica aziendale è quella di guidare sempre le persone interessate e i nostri possibili clienti verso un percorso serio di verifica e analisi dei costi/benefici, riservandoci la possibilità di sconsigliare e rifiutare tutti quei progetti chiaramente destinati al fallimento. Detto ciò ecco una carrelleta di curiosità, informazioni e statistiche sull'Ecommerce davvero utili e confortanti, tra cui, degna di nota, la crescita esponenziale prevista nel settore mobile nei prossimi anni!  


Rendere mobile il proprio sito internet

Per le pubbliche Amministrazioni o per tutte le aziende di ogni dimensione che hanno deciso di presentarsi sul web e sfruttare la rete per espandere il proprio mercato diventa indispensabile avere una versione mobile del proprio sito internet. In mobilità le necessità degli utenti sono differenti: Il 61% degli utenti in mobilità contatta il sito dopo averlo trovato su una ricerca, e il 59% lo visita di persona (The Mobile Movement: Understanding Smartphone Users 2011) Lo stesso utente ha necessità diverse se ricerca un'informazione dal suo desktop rispetto al suo smartphone, in quanto essendo in movimento vuole nella maggioranza dei casi raggiungere di persona il punto vendita. Prendiamo in considerazione l'esempio di un sito web di un ristorante, quando una persona in movimento ricerca il ristorante, probabilmente è per andarci a mangiare perché è nella zona, se avesse invece visitato il sito da casa o dall'ufficio probabilmente lo avrebbe fatto più a scopo più informativo. Questa differente necessità spinge le attività localizzate sul territorio a puntare sui siti mobili per la loro presenza sul web per riuscire così ad aumentare considerevolmente il numero di potenziali clienti nei loro punto vendita. Un Sito web come App 81% degli utenti preferisce utilizzare siti per il mobile rispetto alle Apps, nel ricercare i migliori prezzi (Adobe Mobile Experience Survey, 2011) Le App sono applicazioni che si scaricano dall'App Store per i possessori di iPhone e iPad, e da Google Play per tutti i possessori di smartphone o tablet con Android. Ogni App creata, anche la più semplice necessita di continui aggiornamenti a causa della velocità con cui si evolvono le tecnologie mobili, e per riuscire a coprire la maggioranza dell'utenza mobile si dovrebbe creare sempre una versione per Android ed una per il mondo Apple. I considerevoli costi, il continuo lavoro tecnico di aggiornamento unito alle preferenze degli utenti di non preferire le Apps per cercare in internet hanno convinto le aziende a cercare altre forme per rendere fruibili in mobilità i contenuti dei loro siti internet. Un sito Web parallelo per il mobile Le ricerche sul web da apparati mobili sono cresciute del 400% dal 2010 (Gartner 2010, Google Mobile Optimization Webinar 2011) Molte aziende hanno creato versioni mobili differenti dai siti visibili dai desktop, versioni pensate specialmente al mondo degli smartphone dove il problema di leggibilità del sito è molto sentito. Con l'arrivo sul mercato dei tablet, dotati di schermi più generosi e di maggiori risoluzioni è nata l'esigenza di dover disporre anche di una nuova versione per i tablet, andando così a creare la terza versione del sito internet. Il maggior problema di questa soluzione sta nella gestione dei contenuti, infatti molto spesso si dovrà aggiungere ad esempio il nuovo prodotto su tre siti differenti, generando così non solo più costi di lavorazione ma lentezza nella pubblicazione triplicando il lavoro. Responsive Web Design Il Responsive Web Design è un nuovo approccio che permette di generare un unico sito che si visualizza in modo differente su differenti supporti come desktop, webtv, tablet e smartphone. La miglior soluzione in assoluto per rendere la propria presenza sul web compatibile con ogni supporto sia esso Android o iOS, senza onerosi investimenti economici in Apps o di versioni parallele del proprio sito web. Un unico sito che si adatta automaticamente in modo differente se visto da un desktop, webtv, tablet o smartphone riuscendo così a rendere leggibile e fruibile il sito sempre nel migliore dei modi.


InterMEDIA Communications © Piazza Cairoli, 7 - 50065 Pontassieve (FIRENZE) Toscana - Cod. Fisc. e Partita Iva: 05313840489
+39 055 8314721     | Cookie Policy & Privacy